LA FINESTRA SUL MARE DI SABRINA GREMENTIERI

Ho letto e recensito per voi...

LA FINESTRA SUL MARE


Autrice: Sabrina Grementieri

Casa editrice: Sperling & Kupfer

N. pagine: 324

Link per l'acquisto



SINOSSI:

Sono le sei del mattino quando lo squillo del telefono irrompe nel silenzio, denso di sonno, che avvolge la casa.
Una voce femminile stridula, all'altro capo dell'apparecchio, annuncia tra le lacrime: «Nonna Adele è morta».
È il primo giorno di aprile e la vita di Viola da quel momento non sarà più la stessa.
Nonna Adele le ha lasciato in eredità l'antica masseria di famiglia nel Salento.
Dell'antico splendore, però, è rimasto ben poco.
La facciata, un tempo bianca e ben curata, è ormai grigia e scrostata, erba e sterpaglie crescono indisturbate ovunque e la buganvillea che incorniciava rigogliosa la porta principale ha visto di certo giorni migliori.
Solo il vecchio, grande ulivo al centro della corte sembra sopravvivere, imperturbabile, a quella desolazione.
Viola non sa che farsene della masseria. Per di più, i ricordi racchiusi tra quelle mura sono troppo dolorosi da sopportare. Ma a casa non ha niente da perdere, e così, nonostante la contrarietà dei genitori, decide di restare.
Non è certa che sia la scelta giusta. Di sicuro non è la più semplice.
E qualcuno sembra peraltro non gradire il suo arrivo.
Ma tra distese di ulivi, mandorli, campi di papaveri e un mare azzurro come il cielo, dopo tanti ostacoli, Viola ritroverà finalmente la perduta strada di casa, e dell'amore.
Nella suggestiva cornice del Salento, un'intensa storia d'amore, di famiglia e di rinascita.
Un romanzo delicato e romantico che porta con sé tutto il sapore e la magia del Sud. 

IL MIO COMMENTO:

Questo è il primo romanzo che leggo di Sabrina e ne sono rimasta piacevolmente colpita, tanto che indubbiamente andrò a leggere anche le altre sue opere.
Mi è stato regalato per il compleanno ed ha atteso con pazienza il suo turno di lettura, sopra il comodino.
Quando finalmente l'ho preso tra le mie mani e l'ho cominciato, mi sono data della stupida per non averlo iniziato prima! Sabrina scrive in una maniera così coinvolgente e carica di passione, da attirare subito la curiosità del lettore sin dalle prime righe.
Impossibile non lasciarsi trasportare dalla storia di Viola, che accompagna il lettore in una girandola di emozioni.
Il primo personaggio che si incontra, e che a mio parere è davvero quello "tosto" della storia, anche se appare solo in parte, è nonna Adele.
Una donna del Sud misteriosa, con capacità particolari, di poche parole ma dal cuore grande.
Una donna che, in un certo senso, "costringerà" Viola ad abbandonare la sua vita, abbastanza malinconica in verità, per rifugiarsi nella tenuta che la nipote riceve in eredità dopo la morte della nonna. Una tenuta grande, in parte malridotta, che Viola deciderà di ristrutturare, seguendo l'istinto che le sussurra di non venderla. 
Da questo momento in poi, la vita di Viola verrà completamente stravolta. Innanzitutto per l'ingresso travolgente e rocambolesco dell'affascinante Aris. L'incontro iniziale tra di due è segnato solo da poche parole e da sguardi rapidi e fuggenti
Viola si sente comunque subito attratta da lui. Aris, che sta vivendo una situazione sentimentale davvero difficile, oppone resistenza. Come andrà a finire il delicato rapporto tra i due? 
Logicamente io mi fermo qui, per non fare spoiler.
Diciamo che, amando io particolarmente il Sud, di questo libro ho apprezzato tutto. Le descrizioni degli ambienti, sia interni che esterni, della cucina, degli abiti, degli "usi e costumi", ogni singolo aspetto perfettamente delineato.
Ho passeggiato con Viola lungo il mare, ne ho inspirato l'aria fresca e sentito il vento che mi accarezzava le guance. Ogni sensazione descritta nel libro alla fine appare "vera". 
Nulla è lasciato al caso.
Il romanzo contiene anche momenti di tensione e la storia si tinge di "giallo".
Il finale riserva dei colpi di scena inaspettati, che ho particolarmente apprezzato.
Mi piacerebbe che Sabrina ne scrivesse il sequel, però devo dire che questo romanzo è perfetto così come lo si legge, dalla prima all'ultima parola.
Bravissima!
 

 

 

Commenti

  1. Grazie di cuore Paola. Mi fa piacere che il romanzo ti abbia coinvolta ed emozionata! È il regalo più bello!

    RispondiElimina

Posta un commento