HEAVEN SAGA di Connie Furnari


SINOSSI:
Heaven, città sulla costa orientale del New England. Dalla morte dei suoi genitori, Ryan vive tra party scatenati, droga e alcool assieme a Nick, il suo migliore amico e a Rachel, la sua ragazza. Una notte, durante una gara in auto, ha un incidente e muore.
Al suo risveglio come fantasma incontra Michael, un angelo che deve guadagnarsi le ali e portare a termine una missione: essere il supervisore di Ryan sulla Terra e impedire che l’amico finisca all’Inferno, a causa della sua vita dissoluta.
Dal Paradiso, per un arcano motivo, affidano un compito a Ryan: essere l’angelo custode di Kate, una ragazza sbandata, amante come lui della chitarra elettrica e dei Beatles, che vive una difficile situazione a causa del padre violento e dei compagni di scuola bulli. Kate è l’unica persona che può vedere e sentire Ryan, il quale acquisisce degli straordinari poteri da poltergeist.
I due intuiscono di essere molto simili, malgrado gli accesi scontri verbali e le apparenti antipatie reciproche iniziali.
Ryan però non si rassegna alla sua morte, soprattutto dopo aver scoperto segreti della sua vita che ignorava. Provando a portare a termine la missione da angelo custode, si troverà suo malgrado coinvolto in misteri paranormali che non avrebbe mai potuto conoscere da vivo.
Forse la sua morte non è stata un incidente, qualcuno voleva ucciderlo, e dal Paradiso riemerge un passato dimenticato, che lega in modo indissolubile Ryan, Kate e Michael.

La saga Heaven, una trilogia di tre volumi, è ispirata alle strofe dell’omonima canzone di Bryan Adams e segue il filone paranormal fantasy di film come Ghost, Passaggio per il Paradiso, City of Angels e La vita è meravigliosa, con continui riferimenti a Gioventù bruciata.
Ryan è un moderno James Dean, la saga inizia come commedia fantasy romance nel primo volume, per evolversi in un crescendo di pathos fino al thriller paranormal, e affronta vari argomenti controversi come l’esistenza dell’Aldilà, il bullismo, l’emarginazione sociale, il suicidio, la violenza domestica e soprattutto il disagio adolescenziale.
Per descrivere alcune scene, l’autrice si è basata sulle testimonianze di persone che hanno avuto vere esperienze di pre-morte.
Un altro punto focale della saga è la musica: le canzoni citate e le relative strofe sono state scelte con accuratezza, perché descrivono gli eventi e lo stato d’animo dei protagonisti.
La trilogia Heaven è un romance emozionante, ma anche una commedia divertente e un thriller paranormal denso di misteri, dove i colpi di scena si susseguono di continuo. Il finale, inaspettato e inconsueto, farà rivalutare tutto il senso della storia, spingendo a rileggere la saga dall’inizio.
Benvenuti a Heaven, la città degli angeli custodi. 

LA MIA RECENSIONE:
Sapete che significa acquistare il primo romanzo di una saga composta da tre libri, leggerlo in un giorno e "bruciare" l'intera saga in tre giorni e mezzo? Significa non dormire per riuscire a portare a termine la lettura di una saga che ci sta appassionando a tal punto da esserne quasi ossessionati. Bene, con Heaven Connie Furnari è riuscita a fare il miracolo. Praticamente, per tre giorni e mezzo mi sono isolata dal resto del mondo per capire come andasse a finire questa saga appassionante, magnetica, brillante, da togliere il fiato. Partiamo innanzitutto dallo stile di scrittura di Connie. Pazzesco! Rapido, praticamente perfetto, ricco di battute che, a volte, mi hanno fatta sbellicare dalle risate, e di momenti ad alta tensione o molto romantici, carichi di sentimento. Caspita che caratterino i nostri protagonisti! A partire da Ryan, che incontriamo subito all'inizio del primo libro e che sarà il protagonista principale, assieme a Kate, una ragazza che vive una difficile situazione famigliare e che si vedrà costretta ad accettare la protezione di Ryan, diventato, suo malgrado, "Angelo custode terrestre". Un cenno voglio farlo anche per Michael, altro angelo dal cuore dolce e tenero, che ci riserverà parecchie sorprese! Un altro personaggio che ho adorato, anzi oserei dire che è il mio preferito, è il migliore amico di Ryan, Nick. Un tipo affascinante e tosto, con tanti lati oscuri, ma che, se ho ben capito, forse avrà ancora qualcosa da dirci in futuro. Quello che ho apprezzato davvero in questo romanzo, al di là dello stile incalzante, delle battute travolgenti tra i protagonisti, delle descrizioni delle situazioni che mi hanno davvero convinta fino in fondo, è stata la capacità di Connie di creare un mondo "Angelico" davvero su misura. Mi è piaciuto un sacco il suo progetto di vita "celestiale", come anche il fatto che il Creatore, a un certo punto, si sia autocelebrato per essere riuscito, ancora una volta, a portare a compimento con successo un determinato piano. Niente è buttato a caso in questa trilogia. Ogni frase, ogni momento, ogni situazione, si incastrano abilmente e magicamente come i pezzi di un magico puzzle, creando un prodotto davvero ad alto livello, che spero possa arrivare a conquistare una fetta di pubblico ancora più alta. Se potessi darei a questa saga sei stelline ma, purtroppo, sono costretta a fermarmi a cinque. Spero che Connie voglia scrivere un sequel. Io, comunque, lo attendo fiduciosa!

Nessun commento:

Posta un commento