Recensioni ai miei romanzi

Una bellissima recensione a "Persa nel tuo riflesso" nel blog "La bottega dei libri":

clicca qui per leggere la recensione 
 

Recensione di Silvia a "The Mirror":
Ho letto tutti i libri di questa autrice. Questo libro è scritto bene, ed invita alla lettura, si legge tutto d'un fiato e non è scontato
Non vedo l'ora di poter leggere il seguito! Lo consiglio a tutti


Recensione di Jessica a Brilliant Saga:
Ho letto questa saga in pochi giorni, perché quando si inizia a leggerlo si deve arrivare alla fine. Ho amato fin da subito la storia e i personaggi, in primis il cattivo (non dico il nome per non spoilerare), ma anche Victoria, che non è la solita protagonista perfettina e vittima delle situazioni, ma una ragazza che con un carattere forte sa affrontare ogni situazione con coraggio. Le descrizioni delle situazioni e degli avvenimenti sono ben fatte. I colpi di scena non mancano e l'adrenalina è sempre alta. Il finale della saga è totalmente inaspettato e lascia con l'amaro in bocca e l'aspettativa di un terzo libro, nella speranza che l'autrice lo voglia scrivere ;). Una saga che consiglio vivamente a tutti gli amanti del genere paranormal romance.


Recensione di Maria Grazia a "The Mirror":
Il tema della reincarnazione, affrontato in un racconto che parla dei giorni nostri, stupisce e affascina nello stesso tempo. Accattivante e dolce ti porta a pensare con più leggerezza a un tema così importante.


Recensione di Starlight a Brilliant Saga:
Quando la Black scrive di magia, ben poche creature riescono a sfuggire dalla sua penna stregata. Brilliant è qualcosa di totalmente inatteso. Inizia di un soffice rosa come un'estate di vacanza, con i suoi amori giovanili e i fermenti dell'anima, per poi tingersi improvvisamente di noir e trascinare personaggi e lettore in un dramma paranormale. Tutto ciò che credete di capire all'inizio della storia preparatevi a vederlo smontato pezzo per pezzo sotto i vostri occhi. E se non credete ai fantasmi, alle fate e si, perché no, agli angeli... beh, buon per voi. Vorrà dire che non avrete gli incubi nelle notti di temporale.
Con i tratti di un pennello duro, poche sfumature dorate e molto, molto nero sulla sua tavolozza, la Black ci catapulta in sonnolento paesino che ricorda I misteri di Sleepy Hollow, dove l'incantesimo di una fata ha il potere di nascondere i segreti più oscuri delle famiglie benestanti e la furia di un angelo caduto che li tiene stretti in pugno senza concedere tregua.
Cinque stelline meritate per la limpidezza dello stile, senza fronzoli e sviolinate romantiche. Consigliato a un pubblico young adult, ma anche per gli amanti dei paranormal series.


Recensione di Gioia a Brilliant Saga:
Ho iniziato da poco a leggere i Paranormal romance e mi sono imbattuta per caso su Brilliant Saga. Ho scoperto che era composta da due volumi e, dopo aver letto la trama, ho deciso di acquistarla, anche perché il prezzo è comunque irrisorio. Ho amato subito questa saga. Perché? Perché è scritta in modo semplice e contiene tutti gli argomenti che più mi piacciono, a partire dagli angeli, che mi affascinano da sempre. E poi parliamo delle fate. Caspita, descritte così non le avevo mai lette! In Brilliant saga non sono proprio buone, anche se generalmente sono affascinanti. Victoria è la Prima Fata (e non dico altro per non fare anticipazioni!!!) e tira fuori le unghie per difendere le persone che ama. Victoria poi è divisa tra l'amore di due angeli caduti, Simon e Jason. Uno dei due è il buono, l'altro il cattivo. Ma l'autrice tiene alta la tensione e solo alla fine del primo romanzo si verrà a sapere chi è davvero il cattivo. Poi c'è un po' di erotismo che non guasta mai. Diciamo che per me non è stato facile, all'inizio, accettare il fatto che angeli facciano del sano sesso, ma andando avanti con la lettura tutto mi è apparso più facile e alla fine mi sono così appassionata che ho praticamente divorato questa saga in due giorni. Logicamente la consiglio a chi ama il genere paranormal, ma attenzione, ci sono anche fantasmi!


Recensione di Diluciap a Brilliant Saga
Due volumi in uno, da leggere tutto d'un fiato.La storia,l'erna lotta tra il bene ed il male,che tiene col fiato sospeso per tutta la durata del racconto. Inoltre non è scontato chi incarna il bene e chi il male..... un libro intrigante e curioso, da leggere assolutamente!


Recensione di Marika a Brilliant Saga:
Adoro il libri di M.P. Black...mi catturano e mi trascinano nella lettura dall'inizio alla fine...e questa saga è stupenda e coinvolgente!
Consigliatissimo a tutti!!!


Recensione di Daniela Mauro a Brilliant Saga:
uno dei più bei libri fantasy che abbia mai letto, divorarlo è stato semplice e troppo veloce, non sono stata in grado di staccar mici


Recensione di Micky a Brilliant Saga:
Questo libro ti fa volare in un mondo fantastico, difficile smettere di leggerlo, pur non amando il genere fantasy. Consigliato.


Recensione di Simota a Brilliant Ali di Fata:
Sin dall'inizio il romanzo riesce a catturarti e continua a farlo fino all'ultima pagina grazie al colpo di scena. Veramente originale la rilettura della caduta degli angeli e delle fate.
Scritto in maniera scorrevole ed evocativa.
Ottima lettura.

Recensione di Zaffira a Brilliant Ali di Fata:
Dopo la trilogia de "La Signora degli Elfi", composta da "Lisa verdi e il ciondolo elfico", "Lisa verdi e l'antico codice", "Lisa Verdi e il sole di Aresil", dopo "I Guardiani delle Anime - La maledizione della regina" e "La Rosa e il pugnale", M.P.Black ci regala questo nuovo libro, in cui amore, odio e magia sono indissolubilmente legati.
Prima di inziare con la recensione vera e propria, credo che un compliemento debba essere espresso all'autrice della copertina, Francesca Resta, che ancora una volta riesce a creare un'immagine che è difficile che passi inosservata, per la fortuna del libro e la gioia dell'autrice!
E adesso, è giunto finalmente il momento di mettere a nudo e massacrare questa nuova fatica di una delle autrici fantasy che già da qualche anno fa sentire il suo nome tra gli appassionati del genere! ( Scherzo naturalmente :) )
La storia è ambientata a Faries City, nel Regno Unito, una città che, secondo la leggenda, è stata fondata direttamente dalle fate, che continuerebbero a vivere nascoste nel bosco che circonda la cittadina.
E' qui che Victoria Moore, Vicky per gli amici, vuole trascorrere le vacanze estive, accanato all'amata nonna Paige e alle sue due migliori amiche,Cecilia e Leona. Ed è sempre in questa magica cittadina che Vicky farà degli incontri che cambieranno per sempre la sua vita.
Dapprima farà la conoscenza di Jason Cooper, il figlio del sindaco, biondo e dolce, per cui sentirà fin da subito un'attrazione profonda, e poi Simon, dai lunghi capelli neri e dai modi scontrosi, e anche per lui svilupperà un sentimento e una passione difficili da controllare. Due affetti diversi per due ragazzi altrettanto diversi, ma entrambi intenzionati ad averla.
Ma probabilmente l'incontro più sconvolgente è quello con lo spettro di Margareth, una sua antenata scomparsa in circostanze misteriose, il cui assassino, forse, sta dando la caccia anche a Vicky.
Vicky sa che chi le dà la caccia è Ismael, un angelo caduto dal cielo e intenzionato a vendicarsi di chi lo ha fatto precipitare, per sbaglio, sulla terra. Sa che lui sta cercando la fata che può dominare tutte le arti, e sa altrettanto bene che non dovrà mai permettere che Ismael riesca a vedere il piccolo segno a forma di ali che Vicky porta sul corpo, a testimonianza del suo essere fata.
Ma chi, tra Jason e Simon, è Ismael? Entrambi si accusano reciprocamente, ma qual è la verità? E come può Vicky resistere alle fate che abitano il bosco, che con i loro canti così intensi da costringerla a tapparsi le orecchie la invitano a unirsi a loro? Come farà a difendersi e a capire chi dei due ama davvero?
Partiamo dall'inizio, dall'incontro tra Vicky e Jason Cooper. Bene, all'inizio le cose sembrano succedere un po' troppo precipitosamente: lui le chiede di uscire, dopo averla aiutata a sostituire la ruota bucata della sua auto, e lei, ovviamente, accetta, anche se di lui conosce solo il nome. Lo scambio di effusioni, per quanto leggero, che avviene tra i due al loro primo appuntamento non è esattamente quello che ci si potrebbe aspettare tra due che si sono appena conosciuti, anche se non voglio entrare nel merito della forza che un colpo di fulmine può avere.Le frasi scambiate tra Vicky, Jason e subito dopo Simon, a volte appaiono un po' troppo affrettate e avventate.
Ma è un'impressione che si ferma alle prime pagine, perché già quando si delinea all'orizzonte un cosiddetto "triangolo amoroso", in cui è coinvolto un potenziale assassino dall'identità celata, l'attenzione del lettore è subito catturata e l'intreccio entra nel suo vivo, incatenando nelle sue spire inevitabili anche il lettore.
Con un ritmo incalzante, che non concede tregua, si è obbligati a seguire Vicky passo dopo passo, a vivere con lei le sue emozioni, i suoi turbamenti, la sua giustificata paura di fronte alla scoperta che lei è una fata e che qualcuno la vuole morta, e che questo qualcuno potrebbe essere uno dei ragazzi a cui non riesce a non pensare.
I colpi di scena si susseguono con facilità, con rivelazioni improvvise o cambi imprevisti di situazioni, accompagnati da un sottile erotismo, che sarebbe difficile definire volgare, che accompagna tutto il libro.
Passione e odio, appunto, come quello che Ismael prova da quando è precipitato e che lo sostiene nella sua vendetta, fino a quando tutto troverà una fine in una quanto mai imprevedibile conclusione.
Personaggi ben caratterizzati, anche se all'inizio si ha l'impressione che la protagonista, per quanto intelligente, sia un pochettino frivola e un po' "facile", e i tratti distintivi di qualche personaggio vengono ribaditi un po' troppo spesso.
Sicuramente originale è l'idea di legare il destino degli angeli caduti a quello delle fate. Avete mai notato che entrambe le specie hanno le ali? Ma, accanto a angeli e fate, non manca neppure l'elemento magico: Vicky, infatti, avrà a che fare anche con un Libro delle Ombre, il Grimorio di Margareth.
Tra mille incertezze e pericoli, del cuore e della vita, riuscirà alla fine Vicky ad affrontare Ismael e a trovare chi è davvero il ragazzo che merita il suo amore?
Per saperlo... correte a leggervi il libro!


Recensione di Paoly75 a Brilliant Ali di Fata:
Il libro si legge in fretta, e' molto scorrevole e scritto in maniera semplice e diretta. La narrazione e' in prima persona (che io prediligo) e' la protagonista Victoria che ci guida alla scoperta di Faires City, che, secondo la leggenda, è stata fondata direttamente dalle fate, che continuerebbero a vivere nascoste nel bosco che circonda la cittadina. Qui vive la nonna di Victoria, Paige, che lei adora e con cui trascorre solitamente le estati... Conosciamo le sue amiche Cecilia e Leona, cosi diverse e cosi speciali... Insieme forma un trio esilarante!!!
Ma l'incontro che da' inizio alla "storia" e' quello di Vicky con Jason Cooper, il figlio del sindaco, biondo e dolce, per cui sentirà fin da subito un'attrazione profonda.... e come darle torto, la descrizione che l'autrice ne fa e' davvero notevole... Ma la mia "predilezione" e' stata per Simon, figura misteriosa e affascinante, lunghi capelli neri, modi scontrosi ma terribilmente e sottolineo TERRIBILMENTE SEXI!!!! I due protagonisti maschili nascondono un segreto, ma gia' solo leggendo il prologo capirete che ci troviamo di fronte al sovrannaturale....
Entrambi vogliono Victoria, Jason la corteggia in modo romantico e sensuale , Simon in modo "brutale" e passionale...
Per Victoria e' l'inizio di un'avventura che riservera' sorprese spesso inquietanti, segreti nascosti per secoli, verranno alla luce episodi del passato che si intrecciano alla vita della protagonista, e non vi svelo altro ....
Vi dico solo che I COLPI DI SCENA SI SUSSEGUONO IN MANIERA INCALZANTE e che le ultime 100 pagine si DIVORANO LETTERALMENTE....
Il finale (intendo proprio le ultime 3 pagine) mi sembravano troppo veloci, ma poi, parlando con l'autrice ha capito il perche'....
Si tratta di una DUOLOGIA e quindi ci sara' un prossimo capitolo conclusivo,....
che, inutile dire, ASPETTO CON ANSIA!!!!
BRAVISSIMA PAOLA, TI FACCIO DAVVERO I MIEI COMPLIMENTI!!!
E a chi e' indeciso se acquistarlo o meno io dico PRENDETELO AD OCCHI CHIUSI!!


Recensione di LadyVishous a Brilliant Ali di Fata: 
Victoria Moore, studentessa di Oxford, sta percorrendo la strada in direzione Fairies City, dove passerà le vacanze estive a casa dell'adorata nonna Paige. Durante il viaggio, a causa di un piccolo intoppo, Vicky farà un incontro con un aitante ragazzo, Jason, verso il quale proverà da subito una forte attrazione...incontro che dà il via ad una serie di eventi alquanto strani.
La leggenda vuole che Fairies City sia stata costruita dalle fate che abitano il bosco circostante, stanche della continua curiosità degli umani...ed il bosco è uno dei punti cardine di questo romanzo...luogo dove Vicky, nelle sue precedenti visite alla nonna, si è sempre sentita a suo agio...luogo che in questa occasione diventa importantissimo per la vita della ragazza, dove si verificheranno eventi determinanti per il suo destino.
A Fairies City Victoria scoprirà che dietro l'apparente normalità della vita nella cittadina, si nasconde la magia...sono presenti creature fino ad allora "conosciute" grazie ai libri e alle leggende tramandate di generazione in generazione...e la rivelazione più sconvolgente sarà quella che la riguarda in prima persona e che metterà in discussione la sua vita.
Intorno a Vicky, oltre alla nonna Paige, ruotano altri personaggi, tutti importanti per lo sviluppo della storia: le due migliori amiche Leona e Cecilia; Margareth, che diciamo "vive" nello scantinato della casa di Paige; e Jason, al quale si aggiungerà presto Simon...due ragazzi dalla bellezza innaturale...ragazzi che in realtà sono due angeli caduti. I due sono antagonisti, ognuno cerca in ogni modo di convincere la ragazza della bontà delle sue intenzioni...chi dei due sta mentendo? Chi tra Jason e Simon è il misterioso uomo incappucciato che afferma di cercare Victoria da sempre, e dal quale la giovane deve difendersi nonostante la forte attrazione che la spinge inesorabilmente verso di lui? Buona parte del romanzo gira attorno proprio a questo enorme punto interrogativo: l'autrice ha mantenuto costante l'incertezza, ha fatto "muovere" i due angeli in modo tale da non riuscire a capire chi è il buono e chi il cattivo...nonostante all'apparenza entrambi agiscano per il bene della ragazza.
Lettura assolutamente piacevole. Scrittura chiara e fluida, senza paroloni ad effetto che a volte vengono inseriti in un romanzo con lo scopo di colpire il lettore, ma che spesso per quanto mi riguarda hanno l'effetto contrario. Un libro che si legge veramente bene, per nulla noioso, grazie anche alle molteplici sorprese che coinvolgono la protagonista principale pagina dopo pagina. I vari "attori" di questo romanzo sono ben caratterizzati, non sono messi lì a caso...ognuno ha un proprio ruolo ben definito nell'ambito dell'intreccio. In questo libro possiamo trovare non solo magia, amore, passione...ma anche mistero, incertezza. L'agire dei due angeli caduti è una sorta di "vedo non vedo": se ad un certo punto del libro si è convinti che la verità stia da una parte...basta andare avanti di poche pagine per vedere messe in discussione le nostre convinzioni e quindi rimettere tutto in gioco.


Recensione di Karyn a Brilliant Ali di Fata:
Io tendenzialmente leggo autrici straniere quindi leggere una nostra scrittrice per me è stata fonte di immensa gioia e gratificazione. Il talento italiano non è da meno rispetto a quello “estero” ed ogni tanto è bene ricordarlo. Ci rinfresca la memoria la nostra M. P. Black che ha creato uno young fantasy veramente interessante.
La Black ci descrive un mondo mistico e magico, dove reinterpreta in modo originale tutte le nostre classiche e radicate conoscenze sulle creature magiche, creando qualcosa di inedito e sorprendente. Scopriamo così che le fate in realtà sono angeli, angeli caduti e non tutti gli angeli sono buoni, in alcuni di loro il tarlo della cattiveria e della vendetta si insinua e scava gallerie pericolose.
La nostra protagonista, Vicky, è una giovane donna che viene a conoscenza di questa intrigante realtà, del suo destino e dei misteri che la circondano. Una vera forza della natura, gentile, generosa, socievole ed altruista, carica di passione e sentimento. Nonostante la sua giovane età comunque già carica di fascino grazie alla sua freschezza e alla sua semplicità. Forze mistiche attentano alla sua vita, continue sfide, segreti, paure ed incertezze la portano sempre più sul filo del rasoio, oltre il limite, e la spingono ad affrontare e combattere con coraggio le sue paure più oscure. Accade tutto in lasso temporale ristretto ma la sua capacità di far fronte alle sfide e alle avversità ne evidenzia lo spirito valoroso.
La nostra eroina non è sola in quest’avventura, è circondata da una famiglia amorevole e magica, la nonna Paige su tutti, amorevole e premurosa, sincera e punto di riferimento per i giovani della trama. Due amiche leali e sincere, la forte Leona e la mistica Celia, e da due bei ragazzoni di tutto rispetto, due veri e propri cavalieri che la difendono, la proteggono e la amano come se lei fosse il tesoro più prezioso, il solare Jason e il tenebroso Simon, due metà della stessa mela, lo Yin e lo Yang. Jason, dolce, tenero e forte, un vero cavaliere d’altri tempi e Simon, oscuro, guardingo, pieno di fascino e mistero.
Un ruolo fondamentale per lo svolgersi della trama è quello dell’ angelo caduto Ismael, un concentrato di forza, sensualità e oscurità che affascina sin da subito. L’identità di Ismael è celata, entrambi gli angeli che circondano Vicky possono essere l’oscuro antagonista, questo mistero tiene perennemente sotto scacco la nostra protagonista che non sa di chi realmente può fidarsi e quindi chi realmente aprire il cuore.
Molti i dialoghi e pensieri dedicati all’ identità dell’angelo antagonista, che in quasi tutto il libro rimane celata, nascosta e confusa. Questa insistenza sull’argomento viene eclissata da una freschezza di linguaggio che mi ha piacevolmente sorpresa, da una trama leggera ed affascinate, dalle caratteristiche precise e ben delineate di tutti i personaggi presenti nello scritto.
Tutto viene raccontato in maniera sottile e dettagliata, nulla è lasciato al caso anche se tante sono le domande che restano sospese in attesa che la nostra M. P. Black soddisfi la curiosità che ha scatenato: chi è in realtà Ismael? Come affronterà la verità Victoria? E chi le conquisterà il cuore tra Jason e Simon?
Intrigo, mistero e passione sono le chiavi centrali di questo romanzo che incuriosisce il lettore al punto da fargli desiderare averne presto il seguito tra le mani.
Complimenti a M. P. Black per questa incantevole perla fantasy, io aspetto trepidante di immergermi ancora una volta in questo incantevole mondo.


Recensione di Niki a Brilliant Ali di Fata:
Una bella storia, originale e piena di colpi di scena. L'autrice riesce a rendere credibile i personaggi attraverso dialoghi freschi e serrati che catapultano subito il lettore dentro la storia. Non sono riuscita a staccarmi dal romanzo fino alla fine perché è scritto benissimo. La trama è avvincente e originale,riesce a mescolare amore e paranormale con l'aggiunta di quel pizzico di mistero che non guasta mai.
Consigliatissimo agli amanti del romance ma anche a quelli dell'horror e del paranormal!


Recensione di Laura a Brilliant Ali di Fata:
La storia è bella e ti prende subito
E' facile entrare in questo mondo e farsi trascinare dai personaggi
Il bene e il male sono sempre così netti ?
Scopritelo.


Recensione di D'Ascan Federica a Brilliant Ali di Fata:
Letto in un pomeriggio, sono giunta alla conclusione del primo libro della saga di questo Brilliant, ali di fata.
M.P. Black... Vecchia conoscenza. Ricordo di un forum, di discorsi vagheggianti circa un Bartolo, un vampiro strano ma col fascino del cattivo, di una ragazzina protagonista che odiavo a morte, di varie farneticazioni circa la mescolanza di personaggi di altri libri...
M.P. Black... Diavolo, quanto è andata avanti, questa donna. Nonostante io abbia subito una battuta d'arresto durata cinque anni, lei è andata avanti, imperturbabile, lavorando sodo sulla passione, sullo stile che la contraddistingue, sul cercare e ottenere conferme. E Brilliant è una conferma al suo lavoro. Brilliant è un modo per trascorrere un pomeriggio sognando. Mi sono immersa in mondi lontani, in un universo proprio dell'età adolescenziale, dove qualsiasi ragazza sogna di essere speciale, in qualche maniera, magari magica, magari fatata. Un essere speciale conteso da due ragazzi. I ragazzi più belli che lei abbia visto. Sensazioni vissute a quindici, sedici anni. Ciò che mi sconvolge della Black, e che mi colpì quando la conobbi, è proprio il modo puro che ha di arrivare al cuore dell'adolescente. Nonostante cresca, l'autrice riesce sempre a mantenere l'incanto e la speranza proprie degli anni più belli. L'adolescenza, un epoca molto ristretta, nella vita dell'uomo, ma talmente densa da somigliare a un mondo parallelo. Una vita che nasce e muore, nonostante faccia parte di un percorso più ampio. E questo la nostra Black sa esprimerlo nel migliore dei modi. Non sto qui a raccontare trame, a svelare segreti, a cercare di convincere tramite spoiler vari. Non serve. Basterebbe vedere l'affetto che circonda i romanzi dell'autrice, la passione con la quale ama le creature che crea, rendendole quasi reali agli occhi del lettore. Non serve, quindi, parlare di Victoria, del suo essere un personaggio singolare e magico. Non serve parlare di angeli caduti, di mistici, di fate crudeli. Non serve neanche narrare del dualismo eterno tra bene e male, rivisitato tramite l'occhio della fantasia di un'autrice che riesce ancora a indagare il mondo imperscrutabile che è proprio dell'immaginazione. Non serve. Ciò che davvero conta è leggere Brilliant, attendere il suo seguito e continuare a sognare. Se poi si considera che l'autrice ha terminato il secondo capitolo a inizio gennaio, si capisce che l'attesa non sarà sfibrante. Io, che ho letto la trilogia di Lisa, non posso che essere soddisfatta nell'aver ritrovato lo stile che ho adorato della Black. Mi divertii all'epoca di Lisa, mi sono divertita ora con queste fate. Però, M.P., m'hai reso le streghe esseri infernali e questo, mi spiace, ma una cultrice del genere come me non può fartela passare liscia! Sappi che chiederò alle vecchie leve di avvalorare la mia vendetta... Magari prendendo di mira quel Jason... Intanto invito tutti ad acquistare Brilliant- ali di fata.


Recensione di Dery a Brilliant Ali di Fata:
Il nuovo romanzo di M.P. Black è un paranormal romance scintillante come bene indica il titolo.
Ci sono magia, amore, passione ed esseri soprannaturali dai connotati diversi da quelli a cui siamo abituati. Seguiamo Vicky a casa di sua nonna a Fairies City, cittadina inglese al limitare di un bosco che si dice popolato di fate. Conosciamo la provocante Leona, la riflessiva Cecilia e l’adorabile nonna Paige. Ancora prima di arrivare, incontriamo Jason e scopriamo il misterioso Simon.
Due ragazzi affascinanti che sono interessati in ugual maniera a Vicky e che suscitano sensazioni forti nella protagonista. Poiché però siamo dentro una delle storie di M.P. Black i colpi di scena sono in agguato ed ecco che appare il fantasma di un’antenata di Vicky, misteriose voci tormentano la povera ragazza, e nessuno è quello che sembra.
Una protagonista per nulla debole, un cattivo che fino all’ultimo sospettiamo e alla fine scopriamo, fragilità che sono forza e bellezza che spesso è ingannatrice.
Nel folto del bosco creato dall’autrice ci perdiamo anche noi, nei meandri della storia e arriviamo troppo presto alla conclusione. Molte domande restano a fine lettura e spero che presto l’autrice ci dirà come prosegue la storia per il finale, con il botto, se da un lato soddisfa il lettore dall’altro lo invoglia a scoprire tutto del destino che attende la protagonista.


Recensione di Rolly a Brilliant Ali di Fata:
sono molto soddisfatta di averlo comprato. libro bellissimo, prezzo perfetto ... non posso essere piu soddisfatta! storia originale. narrato in prima persona, come preferisco... leggetelo! un fantasy originalissimo senza cattivi che vogliono" conquistare il mondo". da non perdere!


Recensione di Monica Scapin a Brilliant Ali di Fata:
Bello e avvincente e molto passionale. Le sensazioni sono descritte Bene ed è semplice immedesimarsi nella protagonista è nella sua indecisione sui due bellissimi ragazzi. Lo consiglio a tutti coloro che amano le storie fantasy e romantiche.


Recensione di Starlight a The Mirror:
La Black non è nuova nel genere paranormal, già premiata per precedenti romanzi, ma questa volta ha battuto se stessa. Ha la capacità incredibile di tenerti attaccato alle pagine, in un susseguirsi di presente intrecciato al passato.
Come può un anello cambiare la vita di una persona? La risposta è dentro uno specchio, e nascosta nei segreti di una famiglia che ha ben più di uno scheletro nascosto nell'armadio.
In quest'opera vita e morte sono legate da un solo filo rosso, fino a creare un horror dal sapore erotico e magico.
Vivamente consigliato.


Recensione di Eli a The Mirror:
storia originale e nuova..
scritta molto bene , ti lascia con tante domande a cui vorresti dare una risposta...
Insomma dobbiamo aspettare il prossimo per ottenerle..ma ne vale veramente la pena..!!!!
Consigliatissimo...

Recensione di Elisabetta a The Mirror:
Bello, scorrevole e non scontato. E' un genere a cui mi sono avvicinata da poco ma comincio ad amarlo molto. E' il secondo libro di questa autrice e spero di leggerne ancora.


Recensione di E-Writer a The Mirror:
Libro molto scorrevole nella lettura, storia molto avvincente, trama interessante e ricco sempre di adrenalina, mai scontato.
Ottima la scrittura.
Consigliatissimo!


Recensione di Dery a Brilliant Occhi nelle Tenebre:
Aspettavo con ansia di conoscere il seguito di Brilliant ed eccolo!
In effetti le tenebre ci sono, quelle profonde dell'animo umano ma ci sono anche passioni che accecano o che fanno vedere meglio. Anche lì, dipende dai punti di vista. Dal mio, la storia si è conclusa nel migliore dei modi.
La narrazione è scorrevole e l'autrice sa tenere il lettore incollato alle pagine, facendolo anche sobbalzare qualche volta per gli inaspettati risvolti delle vicende.
Una lettura piacevole e non scontata. La consiglio a chi ama il mescolarsi di più generi e ama le storie con un po' di piccante.


Recensione di Zaffira a La Rosa e il Pugnale:
"Li ho visti fin da piccola.
La prima volta avevo sei anni.
Mi trovavo in camera, a giocare con la mia Barbie preferita sopra il piccolo tappeto rosso e peloso che mi era stato regalato dalla nonna.
Un refolo d'aria fredda si era intrufolato tra le ciocche diritte dei miei capelli castani. Ero rabbrividita e ricordo di essermi guardata attorno più volte, con i grandi occhi azzurri ben spalancati.
Fu un'esperienza traumatica.
Loro si muovevano nella camera come ombre lunghe e scure, che scivolavano sulle pareti per poi appallottolarsi e prendere forme quasi umane.
E ricordo che puzzavano. Associai il loro odore alla carne andata a male, che avevo trovato nella ciotola del mio cane Brick, qualche tempo prima.
Era un odore nauseante, che mi aveva fatto salire dei violenti conati di vomito.
Continuarono ad apparirmi fino al giorno del mio decimo compleanno.
Mentre gustavo una generosa porzione di torta alla crema, che nonna aveva acquistato alla patisserie di Marcel Arnaud, li vidi scendere da un albero, infiltrarsi tra i miei amici, scivolare sul terreno e assumere forma umana dinanzi a me.
Così urlai, urlai e urlai, senza smettere per quasi un'ora.
Ricordo che mamma dovette chiamare il nostro medico, il Dottor Dubois, che mi somministrò un calmante.
Ma da allora non li vidi più e li cancellai dalla mia memoria.
O per lo meno, questo è quanto credetti, fino al giorno in cui tutto ebbe nuovamente inizio."
Comincia così questa nuova storia nata dalla penna di M.P.Black, ormai al suo quinto romanzo, dopo la trilogia di Lisa Verdi e I Guardiani delle Anime - La maledizione della Regina, già recensito su questo blog.
Con " La Rosa e il Pugnale", si cambia scenario e genere: non più un fantasy "classico" ma con tocco fantascientifico - in Lisa Verdi troviamo elfi che impugnano spade laser - nè un "paranormal romance urban fantasy", come lo è invece la sua quarta creazione. Questa volta il lettore si trova tra la mani un romanzo esoterico, in cui fantasmi e misteri la fanno da padroni.
Amélie Morel è una studentessa di architettura e vive tranquillamente nel suo appartamento a Parigi, sulle sponde della Senna, che può ammirare dalle finestre. Quando all'improvviso le viene offerta la possibilità, assieme ad altri studenti selezionati del suo corso, tra cui anche Fleur, la sua migliore amica, di svolgere delle ricerche a Carcassone, patria dei Catari, per stabilire se il restauro della cittadella possa o meno considerarsi un lavoro ben fatto, non si lascerà certo sfuggire l'occasione, malgrado la presenza di Louis, il suo ex ragazzo.
Amélie farà la conoscenza di Jean, anch'egli selezionata ma tra gli studenti dell'Università di Grenoble, che catturerà subito il suo sguardo e le sue attenzioni.
A Carcassone, però, Amélie si troverà ad affrontare eventi che vanno al di là della sua comprensione, portandola ad affrontare gli incubi del suo passato e trascianandola a un passo dalla follia. Ad aiutarla, però, c'è immancabilmente Fleur, e nemmeno Louis farà mancare il sostegno alla ragazza che non ha ancora dimenticato, mentre Jean si manterrà più scettico di fronte alle affermazioni di Amélie di riuscire a vedere i fantasmi che infestano l'albergo nel quale alloggiano.
Un albergo che reca praticamente in ogni stanza quello che è stato presentato alla giovane come lo stemma di famiglia: una rosa rossa, trafitta da un pugnale. Ma si tratta davvero soltanto dello stemma di famiglia, o significa anche qualcos'altro? Amélie non lo sa, ma vorrebbe scoprirlo, come vorrebbe sapere perché soltanto lei riesce a vedere le ombre e lo spettro di colui che, signore della cittadella, si schierò a protezione dei Catari suoi sudditi contro coloro che, inviati dalla Chiesa, intendevano sterminarli. Quando, infine, scoprirà che il suo compito è di ricondurre gli spiriti erranti alla Luce, Amélie sceglierà di aiutare il fantasma che la tormenta, ma dovrà fronteggiare pericoli inattesi e superare difficoltà che tirano in ballo anche il suo cuore, che non ha ancora scortato Louis ma che tuttavia non può rimanere indifferente al fascino di Jean.
E mentre il Male tenta di sopraffarla e Fleur viene rapita, Amélie si renderà conto che il vero pericolo, per lei, non viene dalle ombre, quelle stesse ombre che la terrorizzano fin da bambina, ma da qualcuno di insospettabile, tra le persone più vicine a lei, alla ricerca del leggendario tesoro dei Catari e disposto a tutto pur di riuscire a trovarlo.
Beh, giunti a questo punto, che dire? M.P.Black ancora una volta non delude le aspettative dei suoi fans, regalandoci un'altra avventura ottima da leggere sotto l'ombrellone o in montagna, tra una scampagnata e l'altra, ma anche a casa, insomma, in qualunque posto! Prodotto di grande qualità, soprattutto se si considera i tempi piuttosto ristretti nei quali è stato scritto.
La storia prende fin dai primi capitoli e fila via che è una meraviglia, il libro si legge in poche ore quasi senza accorgersene. Emerge chiaramente una maggior disinvoltura da parte dell'autrice, frutto del lungo esercizio e dell'esperienza fin qui accumulata: se in Lisa Verdi le parti, diciamo, più "piccanti" tra la protagonista e il suo innamorato venivano soltanto fatte intendere, in questa nuova opera, probabilmente destinata ad un pubblico un po' più maturo, M.P.Black assume maggior confidenza con i personaggi e con i loro sentimenti e, di conseguenza, anche con i loro desideri non proprio innocenti e casti. Ma questa nuova destrezza si riscontra anche negli altri aspetti: nello stile asciutto, che non si perde in fronzoli inutili, nelle descrizioni precise ma non ampollose, nella storia stessa, che non si allunga oltre il necessario, anche se magari al lettore avrebbe fatto piacere poter trascorrere qualche ora in più tra le pagine di questo libro. Per il resto, cos'altro si può scrivere senza svelare troppo?


Recensione di Niki a La Rosa e il Pugnale:
La storia di Amélie mi è piaciuta moltissimo! L'autrice riesce a creare un personaggio indimenticabile, una ragazza che deve affrontare il proprio dono speciale ma anche il dilemma tra amore e libertà. Mi sono riconosciuta molto in questa ragazza che vorrebbe amare il suo ex fidanzato ma ricordando come la soffocasse lo tiene a distanza. Ho apprezzato molto le descrizioni della cittadella di Carcassonne e il Visconte, davvero triste e adorabile.
Il colpo di scena finale è degno di un thriller. Insomma una lettura che consiglio vivamente e di cui spero ci sarà un seguito.


Recensione di Cristina Contilli a La Rosa e il Pugnale:
Amélie è una studentessa universitaria francese che si trova a Carcassone per delle ricerche sui Catari insieme ad alcuni compagni di studi (e soprattutto insieme alla sua amica Fleur) e ad uno dei suoi docenti, ma quello che ignora (ed è qui la bravura dell'autrice che sa tenere alti e costanti ritmo e tensione per tutta la durata del libro) è che questi misteri riguardano in prima persona sia lei sia il professore che, col pretesto delle ricerche per la tesi, l'ha condotta fino a Carcassone... Amélie è, infatti, una ragazza normale, tranne per un particolare: fin da quando era bambina prima percepisce la presenza e poi vede i fantasmi e questo che considera un limite e di cui si vergogna a parlare anche con la sua migliore amica sarà invece nel libro la chiave della sua salvezza, quando verrà rapita e rischierà di essere uccisa... non vi dico di più, perché temo di aver già esagerato con lo spoiler, ma vi conviglio questo libro di M.P. Black più breve dei precedenti, ma davvero scorrevole e appassionante...


..........................................................................................



SEGNALAZIONI LETTERARIE:


SEGNALAZIONE LETTERARIA DI CATERINA ARMENTANO A I VIAGGIATORI DEL TEMPO “LA PERGAMENA PERDUTA” SUL SUO BLOG:


SEGNALAZIONE LETTERARIA CON RECENSIONE A “THE MIRROR”






INTERVISTA: