domenica 21 maggio 2017

Lascio un mio pensiero per i miei giovani lettori...

Considerazioni al termine del mio tour nelle scuole medie del Veneto, per incontrare i ragazzi che hanno letto, durante l'anno scolastico in corso, la mia saga fantasy "I Viaggiatori del Tempo", della Dri Editore. La prima cosa che vorrei dire, è legata proprio ai ragazzi. Sono delle persone speciali.
Sempre sinceri e attenti, sono in grado di mettere "in piazza" le loro emozioni con spontaneità, senza farsi alcun problema di sorta. Quindi, spesso arrivano anche le domande difficili, quelle che ti mettono davvero in difficoltà, per le quali sei costretto a pensare a lungo, ma non troppo eh?, prima di dare la giusta risposta. Quelle che poi te le ricordi a vita, perchè possiedono comunqe significati profondi.
Ecco, questi sono i ragazzi delle medie, capaci come pochi di commuovermi, di farmi sentire davvero unica e importante ma, soprattutto, che mi fanno capire di aver creato dei romanzi che per loro hanno significato tanto.
Ieri, ad esempio, una ragazza di prima, alla fine dell'incontro, mi si è avvicinata e mi ha abbracciata, ringraziandomi più volte per averle permesso di leggere un romanzo tanto bello. (queste le sue parole testuali, riferite al primo romanzo della saga).
Per una persona sensibile ed emotiva come la sottoscritta, questi sono i veri valori che contano per davvero. Non quelli legati alle mere vendite con romanzi tutti identici, che mirano solo a raggiungere le prime posizioni delle classifiche, ma in maniera comunque fredda e distaccata, che nulla ha a che vedere con il contatto "vero" con i lettori. Il momento finale degli incontri, quando i ragazzi si avvicinano per avere una firma sul loro libro, è infatti un momento speciale. Perchè mi consente di guardarli tutti negli occhi, ad uno ad uno, e di parlare con loro, anche solo per lasciare un saluto.
Quindi, grazie davvero alla Dri Editore che mi ha permesso, ormai da cinque anni, di vivere queste emozioni così grandi, uniche e che mi rimarranno sempre nel cuore.
Grazie a tutto il prezioso staff della casa editrice. Grazie agli insegnanti che hanno creduto nel progetto.
Grazie infine ai ragazzi, perchè senza di voi, adesso, non sarei qui a scrivere queste parole.

Nessun commento:

Posta un commento