lunedì 17 aprile 2017

HO LETTO E RECENSITO PER VOI... PECADOR - FLOR DE CUBA, DI CONNIE FURNARI E AURA CONTE

HO LETTO E RECENSITO PER VOI:

PECADOR - FLOR DE CUBA


di CONNIE FURNARI E AURA CONTE


LINK PER L'ACQUISTO

EDITORE: AMAZON MEDIA

SINOSSI:

Cresciuto per le strade di Little Havana, dopo un’adolescenza turbolenta e una veloce ascesa nel mondo della criminalità organizzata, Rafael Guerrera si ritrova a soli ventisette anni a gestire un impero, come il più giovane narcotrafficante di Miami.
Affascinante seduttore, insolente e prepotente, amante del lusso e del denaro, ma soprattutto un assassino a sangue freddo, Rafael ha sempre tenuto fede a un’unica promessa: mai fare del male a donne e bambini.
A causa di un processo imminente, è però costretto a trasgredire alla sua promessa e ordina ai suoi uomini di rapire Madalena De La Cruz, figlia di un boss rivale e unica testimone di un duplice omicidio commesso dal braccio destro del clan Guerrera, Santi Pacheco.
Pur di non far testimoniare la ragazza in tribunale e lasciarle distruggere il suo clan, Rafael decide di tenerla in ostaggio fino alla fine del processo.
Quando i suoi uomini gli portano una giovane donna, bella come un angelo, innocente e fragile, Rafael rimane sconvolto. E il suo impero comincia a crollare, ma non per quello che aveva temuto: soltanto a causa dell’amore per una donna, l’unica che non avrebbe mai dovuto amare e l’unica che non potrà mai avere.

***Nota: Per gli argomenti trattati, il linguaggio e per le esplicite scene di sesso e violenza, il romanzo è consigliato a un pubblico adulto e consapevole.***

“Pecador” è un crime romance che parla d’amore, di violenza, di peccato e sangue, con scene di adrenalina pura e passione sfrenata. Il romanzo è autoconclusivo, quindi può essere letto come volume unico. In seguito verranno pubblicati vari spin-off e prequel dedicati ai personaggi principali.
Ispirato a Romeo e Giulietta, è la storia d’amore fra due giovani che dovrebbero odiarsi, ma che il destino fa innamorare, per sconvolgere le loro vite.
Il punto di vista di Rafael è descritto da Connie Furnari.
Il punto di vista di Madalena è descritto da Aura Conte. 

LA MIA RECENSIONE:

Attendevo da giorni l'uscita di questo romanzo, perchè praticamente tutto facebook ne parlava. Rumors su rumors, frecciatine maliziose e abili da parte delle due autrici per creare aspettative. Naturalmente, conoscendo Connie Furnari da tempo e avendo letto praticamente quasi tutti i suoi romanzi, personalmente non avevo alcun bisogno di leggere i post di preparazione delle due autrici, per l'uscita del nuovo libro. Sapevo di andare assolutamente sul sicuro! E così, infatti, è stato. Ho divorato questo romanzo. L'ho letto in due giorni per via degli impegni quotidiani, ma se fossi stata a casa in vacanza, o comunque libera dalle incombenze giornaliere, ci avrei messo un pomeriggio per iniziarlo e finirlo. Perchè sì, quando si prende per mano Pecador, non si può non arrivare alla fine. Le due autrici sono entrambe bravissime. Il punto di vista maschile è scritto da Connie (e l'ho riconosciuto, eccome!), quello femminile da Aura, che prima di oggi non avevo mai avuto l'occasione di leggere (e da oggi mi riprometto di rifarmi, naturalmente!). Embrambe bravissime, queste due giovani autrici, a spiegare gli avvenimenti, a descrivere le emozioni e i sentimenti dei due protagonisti, a "mandare avanti" con perfezione quasi maniacale una trama già di per sè completa e unica, dove il giallo si mescola all'eros, in una girandola di eventi incalzanti, che lasciano senza fiato. Rafael è il tipico uomo "bastardo", che vuole tutto dalle donne, al quale le donne donano comunque tutto, perché è irresistibile. Madalena, dall'altra parte, è una ragazzina, appena diciottenne, che non conosce praticamente nulla della vita. Ma quando incontra "forzatamente" Rafael, che la tiene prigioniera nella sua imponente villa di Miami, tutto per lei cambia. Prova subito dei sentimenti forti e contrastanti nei confronti del suo rapitore, lo brama con tutta se stessa. Capisce di non essere la ragazza mite e dolce con la quale ha avuto a che fare fino a quel momento. Intuisce di avere grandi risorse dentro di sè, di poter combattere e affrontare la vita a testa alta, ma, soprattutto, di essere in grado di amare un assassino, che non si è mai fermato dinanzi a niente e a nessuno, perchè, in fondo, l'animo di quell'uomo è lacerato dalla sofferenza e, per redimersi, ha bisogno di incontrare l'amore, quello vero e grande, che ti cambia la vita.
E sarà proprio Madalena a rappresentare l'amore che Rafael ha cercato inconsciamente per tutta la sua giovane vita. Quando lo incontra, sarà per lui come un fiume in piena, una cascata che lo investe con forza inaudita. E lui non riuscirà, ma anche non vorrà, opporvi alcuna resistenza.
Pecador è un romanzo ad alto tasso adrenalinico, forte, brutale, carico di eros e di scene di sesso ben descritte e difficilmente dimenticabili.
Rinnovo i miei complimenti alle due autrici, auspicando che possano scrivere il sequel al più presto Specifico che, comunque, questo romanzo è autoconclusivo.
DA LEGGERE!

Nessun commento:

Posta un commento