domenica 24 luglio 2016

Segnalazione letteraria... Una scintilla nell'oscurità - nuova edizione.

Ciao!

Oggi ho il piacere di presentarvi la nuova versione del romanzo:

UNA SCINTILLA NELL'OSCURITA'


di Emanuela Riva

con cover (bellissima), di Sherazade's Grafica.


TITOLO: UNA SCINTILLA NELL'OSCURITA'

AUTORE: EMANUELA RIVA

ILLUSTRATORE: SHERAZADE'S GRAFICA

VERSIONE: E-BOOK


SINOSSI:

Emma Sullivan è una ragazza semplice, altruista e molto testarda, che vive con suo fratello maggiore a Baselga, un paesino del Trentino. Insieme cercano di superare lo shock della perdita dei genitori, Amelia e Christopher, uccisi due anni prima da due rapinatori. In seguito alla loro morte, la ragazza inizia a soffrire di incubi ricorrenti.
Un giorno Emma si reca al centro commerciale insieme alle sue migliori amiche e incontra Adam, un uomo arrogante e bellissimo, destinato a cambiarle per sempre la vita. Ma dietro quel volto bello e fiero si nasconde una creatura mitologica, creata da Dio in epoche lontane.
Ben presto per Emma le cose si metteranno male, soprattutto quando si imbatterà nel vescovo Francesco Doria e il suo aiutante don Carlos, finendo coinvolta nella più antica delle faide: la lotta tra il bene e il male.

LINK PER L'ACQUISTO 

mercoledì 20 luglio 2016

Fantasmi... che passione!

Forse non tutti sono a conoscenza della mia passione per il paranormale e per i fantasmi.
In effetti non ne parlo spesso, per non andare incontro ai soliti discorsi..."Sono tutte frottole! Ma come fai a crederci? Ma dai che cosa ridicola!"... etc... etc.... 
Ora, però, ho finalmente deciso di ignorare le persone che mi prendono in giro. E' giusto che ogni persona abbia il proprio modo di pensare. Il mio non può essere uguale al tuo, per intenderci!
E va bene così, altrimenti il mondo sarebbe davvero troppo noioso!

Ritornando ai fantasmi, vorrei proporvi di seguito un video di una delle crew che seguo con più interesse, che operano nel campo dell'investigazione del paranormale.

Trattasi dei famosi GOSTH ADVENTURES, i cui documentari sono stati trasmessi anche in qualche canale televisivo italiano.

Oggi ve ne propongo uno molto interessante. Alla fine, traete pure le vostre conclusioni.

Potete pensare che questa squadra sia composta solo da buffoni, oppure potete cominciare a credere che ci sia davvero qualcosa di vero.

ATTENZIONE! Non consiglio la visione del video a chi è facilmente impressionabile.

Ciao!





martedì 5 luglio 2016

Breve estratto da "La maledizione della regina"!

Ciaoooo!

Oggi vi regalo un breve estratto dal capitolo 9 del mio urban fantasy

LA MALEDIZIONE DELLA REGINA

I Guardiani delle anime


Buona lettura!




Un secondo lampo, ancora più potente, lo costrinse a rivolgere l’attenzione verso un punto preciso del cortile. E, finalmente, la vide.
Katia Chernikova, la ragazza Punk della scuola, era circondata da un’incredibile aura di energia dorata e stava puntando lo sguardo, stravolto, proprio nella sua direzione.
Brandon impallidì e iniziò a sudare freddo.
Non poteva trattarsi di lei, no!
Non la ragazza Punk dell’istituto, la svitata, come la chiamavano quasi tutti gli studenti, che non aveva praticamente stretto amicizia con nessuno e che trascorreva gran parte del tempo della pausa mattutina in un angolo del cortile, a mordersi nervosamente le unghie e a osservare con disprezzo gli altri studenti.
Brandon la osservò a lungo, incredulo.
Come sempre, vestiva con pantaloni attillati, anfibi e un giubbetto di pelle, tutti rigorosamente neri. I lunghi capelli biondi, con le punte rosse, erano lasciati sciolti sulle spalle, diritti come sottilissimi spaghetti. Ricordava, inoltre, che Katia portava sempre le unghie laccate di nero e aveva le orecchie ricolme di piccoli orecchini di vario colore, mentre un minuto piercing zirconato faceva bella mostra di sé sul lato destro del naso.
Brandon indietreggiò di un passo e scosse la testa. Katia era indubbiamente carina, ma si trattava della svitata, della ragazza che nessuno osava avvicinare, anche per i suoi modi bruschi e per quegli occhi blu che sembravano disprezzare tutto e tutti.
No, no, no! Non era lei, non poteva trattarsi di lei, doveva esserci un errore, un enorme sbaglio!
Brandon la fissò in viso. Era pallida e terrorizzata.
A quel punto, capì che anche lei stava indubbiamente vedendo un’aura attorno a quel ragazzo insignificante dai capelli rossi, un’energia che nessun altro poteva percepire e che le fece cadere a terra il mozzicone di sigaretta.
La svitata, scuotendo la testa, lo schiacciò con un rapido movimento dell’anfibio destro, quindi spalancò ancora di più i suoi grandi occhi dello stesso colore del cielo al crepuscolo.
Brandon, lentamente, molto lentamente, le si stava avvicinando.
Katia aveva aumentato la sua aura e lui sentiva che qualcosa, forse una forza potente e misteriosa, lo stava spingendo verso quella ragazza insolita e bizzarra.
Katia tentò di indietreggiare, ma dietro di lei vi era la parete della scuola. Vi si appoggiò, ansimando.
Brandon, ormai, si trovava a un metro dalla svitata e le sorrideva. Si sentiva pervaso da un’energia incredibile, piena e frastornante.
La fissò per qualche istante. Era indubbiamente carina, sotto il chilo di fondotinta col quale aveva ricoperto il viso dai lineamenti dolci e regolari.
È una maschera. Solo una maschera per proteggersi dagli altri e dalle cattiverie del mondo.
Le porse una mano e la sua aura si fuse con quella di Katia, provocando un’unica ondata di energia dorata, che li avviluppò entrambi.
Brandon si sentì svenire, mentre le viscere gli si contorcevano al ritmo di un valzer sfrenato. Si piegò in due, mantenendo comunque il contatto con Katia, tramite la stretta alla sua mano, e gridò. Il suo corpo era scosso da fremiti e bruciava, avvolto dalla sua stessa energia, in un rogo possente che gli stava devastando la carne.
Riuscì a lanciare un rapido sguardo a Katia. Anche lei era piegata in due e urlava. I suoi lunghi capelli erano ritti sopra la testa e avvolti da quelle che sembravano vere fiamme.
Caddero entrambi a terra e Brandon, d’istinto, la strinse a sé. Sentiva voci ovattate giungere da lontano, come se lui fosse lo spettatore di un film ascoltato a volume basso. E percepiva lo scalpiccio e i movimenti di chi, molto probabilmente, si stava prodigando per aiutarli.
Il suo viso, ora, distava pochi centimetri da quello di Katia.
Brandon ancora urlava, ma quando i suoi occhi incontrarono quelli della svitata, il dolore irruppe ancora più devastante. Partiva dal cuore, andato completamente in fiamme, e lo percuoteva in ogni angolo di un corpo che non voleva proprio saperne di soccombere alla sofferenza.
Katia spalancò i suoi grandi occhi blu, continuando a urlare come una pazza.
Brandon sentì su di sé mani che cercavano di allontanarlo da lei, nell’inutile tentativo di aiutarlo. Ma resistette. La sua forza, in quell’istante, era pari alla sofferenza che lo stava devastando. E, poi, capì. Ogni singolo tassello di quello strano puzzle trovò il suo esatto collocamento, ogni dettaglio, ogni ricordo…
Il suo Spirito Antico era riaffiorato, forte e vigoroso. E ora lui guardava la sua amata con occhi dolci, leggeri, mentre la sofferenza si dissipava lentamente.
Alla fine, restarono solo l’immenso amore che da sempre nutriva per lei e la consapevolezza di non averla mai perduta veramente.
Anche Katia aveva capito o, per meglio dire, la Regina aveva ritrovato se stessa.
Si abbracciarono e i suoni delle persone attorno a loro, che cercavano di aiutarli, non furono altro che una nota stonata in una sinfonia perfetta.




domenica 3 luglio 2016

DREAM - IL SOGNO DELLE FATE

SEGNALAZIONE LETTERARIA


HO LETTO E RECENSITO:

DREAM. IL SOGNO DELLE FATE

di 

FRANCESCA ANGELINELLI




CASA EDITRICE: YOUCANPRINT

VERSIONE SIA E-BOOK CHE CARTACEA


SINOSSI:

Serena è una liceale come tante, gioca a pallavolo, vorrebbe andare all'università, è interessata fin dall'infanzia a un ragazzo e alle porte dell'estate desidera a tutti i costi partecipare al campeggio estivo organizzato dalla scuola, ma un problema che la perseguita fin dall'infanzia potrebbe impedirglielo, un problema legato ai suoi sogni. Ma sarà proprio nei sogni che la sua vita prenderà una nuova e inaspettata strada... 



  IL MIO COMMENTO:

 

Serena vive le sue giornate tranquillamente, tra la scuola e la pallavolo. 
Serena, però, ha un problema. E' sonnambula. Quando sogna, pertanto, rischia davvero di farsi del male. Così l'unica soluzione, per poter affrontare serenamente la sua esistenza, è quella di prendere delle pillole che le impediscano di sognare. Prima di utilizzarle, però, Serena fa uno strano sogno. Incontra un ragazzo "arciere", dai modi misteriori ed affascinanti, e terribili Goblin che sembrano davvero intenzionati ad ucciderla. Quel sogno le resterà dentro, segnandola per sempre. Serena, a questo punto, è combattuta. Non sa se prendere quelle pillole o meno. Ma il desiderio di poter vivere come tutte le sue amiche, affrontando serenamente ogni nottata e ogni giornata, ha il sopravvento. Serena parte così con le compagne della squadra di pallavolo per una vacanza studio-allenamento in riva ad un lago meraviglioso, dove farà la conoscenza dell'affascinante Neil, un ragazzo che le ruberà subito il cuore ed inizierà a proteggerla dall'aggressione di Sabrina e dei suoi scagnozzi Luca e Federico, che sembrano davvero intenzionati e farle del male. Per Serena, a questo punto, si aprirà un nuovo mondo, e la sua vita verrà stravolta per sempre. Apprenderà di essere una fata e di avere un compito importantissimo da svolgere. E qui mi fermo, per non fare troppi spoiler. 
Che dire del romanzo? Conosco l'autrice da tempo, sia personalmente, che come "scrittrice". Ho già avuto modo di leggere la saga di "Chariza" e di apprezzarne, quindi, le elevate doti letterarie. Quando ho iniziato a leggere questo romanzo, non avevo alcun dubbio in merito al fatto che lo avrei apprezzato sicuramente. E, infatti, così è accaduto. Francesca scrive bene, e questo già lo sapevo. Però mi ha stupita notevolmente la sua capacità di muoversi all'interno del mondo adolescenziale, permettendo a noi lettori di calarsi perfettamente all'interno di una trama per nulla banale o scontata.
Il romanzo è denso di magia e contiene tutte le caratteristiche che amo di più nei fantasy, anche perchè io adoro le fate e il loro mondo, che a volte, comunque, non è sempre lucido, scintillante o perfetto, ma può nascondere anche dei lati oscuri, come ci preannuncia Francesca nel primo romanzo di questa fantastica trilogia. Ho anche adorato la sua capacità di descrivere gli ambienti. Sembra davvero di trovarsi nei luoghi del romanzo e di camminare fianco a fianco dei protagonisti. Anche la parte relativa ai sentimenti è davvero ben curata. Insomma, questo primo romanzo contiene tutte le caratteristiche per renderlo un libro assolutamente degno di essere letto e di essere conosciuto dai lettori. Consigliato! Ora attendo, con ansia, di poterne assaporare il sequel.