INTERVISTA ALL'AUTORE ANDREA STORTI!

Ciao!

Oggi ho il grande piacere di ospitare, nel mio blog, il bravo autore fantasy per ragazzi

ANDREA STORTI


I suoi due ultimi romanzi, DRI EDITORE,





hanno riscontrato davvero un grande successo tra i lettori!

Fanno parte di un progetto didattico/editoriale voluto fortemente dalla casa editrice Dri di Treviso, la quale da qualche anno punta a far conoscere autori di talento, per consentire ai ragazzi di leggere di più, unendo il fantasy/avventura alla storia di alcune, importanti città del Veneto e del Friuli Venezia Giulia.

Il progetto è ambizioso e ha, per l'appunto, coinvolto anche Andrea Storti, il quale già da due anni si sposta in alcune scuole medie del Veneto per parlare dei due romanzi, riscontrando davvero un grande interesse, e un notevole successo, da parte dei ragazzi e degli insegnanti.

I due romanzi vedono come protagonista Teo, un ragazzino che, toccando alcuni oggetti antichi, riesce a spostarsi nel tempo. 
Nel primo romanzo Teo fa un viaggio nel tempo a ritroso nella bella e misteriosa Venezia, in compagnia di due abili Guardiani del Passato, tra i quali spicca indubbiamente la forte e coraggiosa Mademoiselle K. Davvero esilaranti i battibecchi tra lei e Teo, che rendono il romanzo ancora più piacevole da leggere. Il secondo, invece, vede come città protagonista l'affascinante Verona e la storia ruota attorno a Giulietta, rapita da un essere davvero temuto dai Guardiani, che deve essere salvata e riportata all'affranto Romeo, che l'attende con ansia. 
Sia nel primo che nel secondo romanzo, la storia è raccontata con brio e con energia, mai lasciando nulla al caso. Notevoli, poi, sono i riferimenti storici e le accurate descrizioni degli ambienti. 
Andrea è un autore di talento, che regala racconti emozionanti, apprezzati non solo dai ragazzi, ma anche dagli adulti.

Vi lascio, di seguito, il link della pagina fb della saga:
pagina facebook della saga

E del suo blog, dove potete trovare le altre sue opere (romanzi e racconti):
blog di Andrea

Vi ricordo che i suoi romanzi sono acquistabili on line, oppure rivolgendosi direttamente alla casa editrice Dri di Treviso, o infine chiedendo all'autore:

PAGINA FACEBOOK DRI EDITORE 


E ORA PASSIAMO ALL'INTERVISTA! BUONA LETTURA!




CIAO ANDREA E BENVENUTO NEL MIO BLOG. VUOI PARLARCI DI TE E DI COME E' NATA LA TUA PASSIONE PER LA SCRITTURA?

Ciao Paola e grazie per avermi invitato sul tuo blog.
Esordisci con una domanda a cui faccio sempre fatica rispondere, perché non so mai davvero come presentarmi.

Sul mio blog, nella sezione "Chi sono", c'è scritto: 'Andrea Storti [...] Da perfetto sognatore assonnato, dorme di notte e fantastica di giorno. Si ostina a inventare storie che poi, per pigrizia, non scrive. Crede nella sedentarietà ed è fermamente contrario al moto non necessario.'
Direi che aggiungendo le mie tre "professioni" reali, impiegato, marito e padre, potete farvi un'idea piuttosto corretta di me.
Sono una persona tendente al pigro ma che fantastica e pensa molto, anche a molte cose diverse, e per ovvie ragioni devo riuscire a sfogare questi pensieri burrascosi in qualche modo, ed è qui che interviene la scrittura.

La scrittura è arrivata un po' tardi, nella mia vita, e questo perché pure la lettura c'è entrata tardi. Fino ai 12/13 anni odiavo leggere, era una cosa che non mi piaceva proprio. Poi, quando ho trovato il libro giusto, tutto ha iniziato a cambiare e sul mio comodino sono finalmente apparsi dei libri, che poi si sono moltiplicati a dismisura.
Non saprei dire un motivo preciso che mi ha portato a scrivere, però ai ragazzi che incontro nelle scuole dico sempre: se ti piace il calcio prima o poi provi a giocarci, se ti piace la musica prima o poi provi a cantare/suonare... ecco, credo che sia capitato così, e che poi non sia più riuscito a smettere di inventare storie.


VUOI PARLARCI DELLA TUA ESPERIENZA CON LA DRI EDITORE? COM'E' NATA E QUALI SODDISFAZIONI TI STA DANDO?

Ho conosciuto DRI per merito di una certa M. P. Black, non so se conosci. :D
DRI cercava qualcuno interessato a scrivere un romanzo per ragazzi su Venezia e, in qualche modo, tu gli hai fatto il mio nome. Sono state fatte delle prove, proposte delle idee e... il progetto è piaciuto!

È molto bello lavorare con questo editore perché è sempre gentile e disponibile e quindi si può discutere di tutto senza la paura di vedersi stracciare il contratto. :D
Inoltre lavora principalmente con le scuole, in diretta, e questo offre la più grande soddisfazione di tutte: riuscire a incontrare molti ragazzi che hanno letto la tua storia, il tuo romanzo. È davvero un'emozione unica perché a quest'età non ci sono filtri, se una cosa non piace te la dicono, e se piace te la dicono con un calore immenso. Avere un riscontro di questo tipo è davvero una grazia e un'esperienza che non ha prezzo. Vedere tutti questi giovani attenti, interessati ai personaggi partoriti dalla tua mente, così pieni di domande da non riuscire a smettere di alzare la mano.. da grandi soddisfazioni e fa ben sperare per il futuro.
 

QUALI SONO I TUOI PROGETTI FUTURI? INTENDI CONTINUARE A SCRIVERE FANTASY PER RAGAZZI?

I progetti futuri sono così tanti che faccio sempre fatica a metterli in ordine. Sono talmente caotico che posso abbozzare dieci romanzi contemporaneamente per poi non concluderne nemmeno uno.
Però diciamo che il progetto più imminente è un romanzo per ragazzi realistico e contemporaneo. Ma non posso dire altro.

Continuerò a scrivere per ragazzi e continuerò a scrivere fantasy, questo è sicuro. Il fantastico è un campo che mi interessa molto e a cui sono particolarmente legato anche come lettore. Inoltre mi rendo conto che, involontariamente, molte delle storie che mi vengono in mente contengono elementi fantastici.
Allo stesso tempo, però, sono una persona che si annoia facilmente, quindi cerco sempre nuovi stimoli, e questo mi porterà indubbiamente a storie nuove che potranno anche essere molto diverse da quello che si potrebbe aspettare un mio lettore. Ho già in testa alcune trame storiche, per esempio, che mi interesserebbe molto portare su carta. Ma si vedrà più avanti.


GRAZIE ANDREA, ALLA PROSSIMA!




Commenti